Contratto di assicurazione: definizione e caratteristiche del contratto aleatorio

Contratto di assicurazione: definizione e caratteristiche del contratto aleatorio





Contratto di assicurazione: definizione e caratteristiche del contratto aleatorio

Contratto aleatorio: significato e aspetti da conoscere

Il contratto aleatorio è un tipo di contratto che si basa sull’incertezza del risultato di un evento futuro e incerto, il cui verificarsi o meno determina l’obbligo delle parti di adempiere alle proprie prestazioni.

Questo tipo di contratto è regolato dal Codice Civile italiano, nell’articolo 1352.

Caratteri fondamentali del contratto di assicurazione: tutto ciò che devi sapere

Il contratto di assicurazione è un contratto aleatorio che ha lo scopo di tutelare l’assicurato da eventi dannosi o accidentali che potrebbero causare un danno economico.

Le caratteristiche principali di questo tipo di contratto sono:

  • Obbligatorietà della buona fede: Le parti devono agire in buona fede durante la stipula del contratto e nella sua esecuzione.
  • L’indennizzo: In caso di verificarsi dell’evento assicurato, l’assicuratore è tenuto a pagare l’indennizzo all’assicurato.
  • Il premio: L’assicurato deve pagare un premio periodico all’assicuratore per il servizio di assicurazione offerto.

Contratto di assicurazione: definizione e spiegazione completa

Il contratto di assicurazione è un contratto aleatorio che ha come scopo principale la tutela dell’assicurato da eventi dannosi o accidentali.

Questo tipo di contratto è disciplinato dal Codice Civile italiano, nell’articolo 1882 e seguenti.

Le parti coinvolte nel contratto sono:

  • Assicurato: La persona che richiede l’assicurazione e che è tutelata dagli eventi assicurati.
  • Assicuratore: L’entità che fornisce l’assicurazione e che è tenuta a pagare l’indennizzo all’assicurato in caso di verificarsi dell’evento assicurato.

Il limite delle clausole aleatorie: cosa non si applica ai contratti

Le clausole aleatorie non si applicano ai contratti che riguardano servizi di pubblica utilità, come l’energia elettrica, il gas, l’acqua e le telecomunicazioni.

Inoltre, non si applicano ai contratti di lavoro, ai contratti di compravendita di beni immobili e ai contratti di locazione.


Deja un comentario